Site Loader

Sfortunatamente, il più delle volte non vediamo chi si candida per le cariche, mettendo a pugni gli stakeholder/elettori, e quante volte le elezioni diventano voto per il Male Minore dei Due Mali! Troppi politici si limitano a dire agli elettori quello che credono di voler sentire, piuttosto che comportarsi in modo più responsabile e dire loro quello che devono sapere.

  • Le società, eccetera, si trovano costantemente ad affrontare sfide, e uno dei fattori determinanti, se qualcuno è veramente un leader, o semplicemente un politico prototipo, è il modo in cui queste vengono affrontate, e quando!
  • Chi nasconde la testa sotto la sabbia, incolpa e si lamenta continuamente (senza proporre una soluzione praticabile), o procede senza un piano strategico e d’azione, non è mai un vero leader! Guardiamo a cinque fattori, e/o considerazioni.

1. Politica – politico contro statista

Mentre la realtà è che uno deve essere eletto prima di poter fare qualsiasi cambiamento/differenza significativa, pochi politici si trasformano in statisti, una volta eletti! Uno statista è qualcuno che cerca di esaminare obiettivamente i fatti, senza pregiudizi, al fine di attuare la migliore soluzione o il miglior percorso possibile. I politici, purtroppo, spesso continuano la loro vuota retorica, eccetera! Cosa credete che si debba fare, perché questa trasformazione sia portata a termine con successo?

2.  Idealismo; pragmatismo; idealismo pragmatico; retorica populista

Non si è leader quando si continua ad usare solo la retorica populista, una volta che si serve in una posizione di leadership! Questa può essere usata per motivare, attivare e coinvolgere gli altri, ma deve essere temperata con soluzioni praticabili e azioni concrete!

  • Allo stesso modo, mentre è meraviglioso essere idealisti, la realtà è che, a meno che uno non abbia un piano praticabile, che gli altri accetteranno, diventa anche pura retorica! Che il candidato sia considerato progressista o conservatore, in un sistema politico, si deve cercare il miglior approccio possibile, per ottenere quanto più possibile, realizzando che raramente si ottiene tutto ciò che si cerca.
  • Attenzione a chi è troppo pragmatico, perché raramente è disposto a pensare fuori dagli schemi e a considerare le alternative. Anche se si deve evitare di fare cambiamenti, solo per il cambiamento – il bene, l’evoluzione e il cambiamento rende i gruppi rilevanti e sostenibili! Consideriamo quindi l’idealismo pragmatico, che è sognare il sogno migliore, cercando soluzioni e vie, per realizzare i migliori scenari possibili.

3. Chi viene servito?

I leader devono sempre praticare la leadership al servizio. piuttosto che possedere un’agenda personale e personale di servizio!

4. Incolpare e lamentarsi, o soluzioni?

Se il semplice dare la colpa e lamentarsi ottenesse qualcosa di meglio, la leadership potrebbe essere un po’ più facile e meno complicata! Un vero leader evita quel percorso facile e meno produttivo, e si concentra su alternative e soluzioni, per fare una differenza rilevante e sostenibile, in meglio.

Gabriela

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Calendar

February 2021
M T W T F S S
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728

Click Here